Roots! n.262 settembre 2021 New Guinea Pigs On The Block

New Guinea Pigs On The Block - New Guinea Pigs On The Block

New Guinea Pigs On The Block – New Guinea Pigs On The Block

by Simone Rossetti

Avete presente certa musica Lo-Fi (low fidelity, bassa fedeltà) che sembra andare così tanto di moda oggi? Lasciate perdere, nella maggioranza dei casi è posticcia e “costruita”, in poche parole, finta; qui ascolterete del vero Lo-Fi, che poi possa piacere o meno (stiamo parlando di “registrazione” non di genere musicale) è un altro discorso ma è proprio così che dovrebbe essere/suonare, quell’approccio naturale che puzza di sudore, muffa di cantina, birra e pareti scrostate. Album di debutto per una band storica? Non proprio anche se ne avrebbe tutta la stoffa, di debutto sicuramente; arrivano dall’Arizona questi New Guinea Pigs On The Block e non sono più dei ragazzini ma sanno perfettamente quello che suonano e lo fanno alla grande; siamo nel 2021, lo precisiamo perchè forse ascoltando (o ritrovando) questi suoni vi sembrerà di tornare ai primi anni 80, solo sembrare, in realtà non è così (ma di questo ne riparleremo in seguito). Pubblicato dalla sempre ottima label italiana Area Pirata Rec (fateci un giro perchè in un panorama nazional-popolare a dir poco desolante merita senz’altro) e disponibile al momento in digipack CD e formato digitale (si spera in futuro anche in vinile); tornando sul discorso musicale i New Guinea Pigs On The Block suonano un devastante psych-garage torbidamente punk e rock che rimanda inevitabilmente a quella nuova (allora) scena garage che infiammò i primi anni 80, Fuzztones, Von Trap Family, i Plan 9, più tardi i The Mummies; punk, garage e psichedelia. Steve Hinders alla voce e basso, Orin Portnoy alla chitarra e voce e Ward Reeder alla batteria e voce; 13 pezzi originali, tutti ottimi anche se, come è normale, alcuni sembrano brillare più di altri (ma è pur sempre una questione di gusti personali) e, cosa che vi anticipiamo subito, non aspettatevi i classici branettini da classifica più o meno blasonata  ma della buona musica sì e scusate se è poco. Album che si apre con un’incendiaria Blue Ballon, un garage punk tiratissimo che non vi concederà un attimo di tregua (registrazione lo-fi a parte questi “ragazzi” suonano da dio), c’è il pulsare beat a più voci di Teddy And Chrissie, la più scura e dall’incedere hardcore Flipp The Rat con riff di chitarra pesantissimi e distorsioni spinte al massimo (atmosfere che ricordano i grandi Black Flag); con un approccio più psichedelico sono Sesame Chicken e la lunga cavalcata lisergica-strumentale di Knock On The Door, forse non imprescindibili ma di classe inebriante, mentre si torna a spingere su territori più punk con la bella Take Out The Trash dal potente ed accattivante refrain e la Stoogesiana Iguana Man ma le vette più alte si raggiungeranno con lo space-garage di Spacious Countertops/Susie Sue e la “quasi” JoyDivisionana (versione più elettrica) Stone Hedge con un gioco di voci veramente notevole, tanto di cappello, ed infine a chiudere in bellezza il riff  “senza tempo” di Medical, pezzo che sembra voler riassume in sé un “tutto” ancora oggi pulsante e vitale. E’ vero, siamo nel 2021 ma nulla (per il momento) ci vieta di godere di questa musica, onesta, semplice, sudicia, diretta, potente, con il cuore rivolto al passato ma la testa ben piantata in un presente malconcio e distorto. “Baby, It’s only rock’n’roll” avrebbe detto qualcuno a buon ragione ed è vero perchè qui ne ri-troverete tutta l’essenza, tutta l’anima; album, inutile dirlo, da spararsi ad un volume massimo, senza tentennamenti di sorta, preconcetti di genere e con lo sguardo rivolto al domani. Da Roots! è tutto e come sempre buon ascolto (qui).

New Guinea Pigs On The Block – New Guinea Pigs On The Block

by Simone Rossetti

You know some Lo-Fi (low fidelity) music that seems to be so popular today? Forget it, in most cases it is false and “constructed”, in short, fake; here you will listen to the real Lo-Fi, whether you like it or not (we are talking about “recording” not of a musical genre) is another matter but that’s how it should be / sound, that natural approach that smells of sweat and mold cellar, beer and peeling walls. Debut album for a historical band? Not really even if it would have all the makings, certainly a debut; these New Guinea Pigs On The Block come from Arizona and they are no longer kids but they know perfectly well what they play and they do it great; we are in 2021, we specify it because perhaps listening to (or finding) these sounds you will seem to go back to the early 80s, just seeming, in reality it is not so (but we will talk about this again), album released by the always excellent Italian label Area Pirata Rec (take a tour because in a national-popular panorama it certainly deserves to say the least) and available at the moment in digipack CD and digital format (hopefully in the future also on vinyl); returning to the musical discourse the New Guinea Pigs On The Block play a devastating psych-garage turbidly punk and rock that inevitably refers to that new (then) garage scene that inflamed the early 80s, Fuzztones, Von Trap Family, Plan 9, more later The Mummies; punk, garage and psychedelia. Steve Hinders on vocals and bass, Orin Portnoy on guitar and vocals and Ward Reeder on drums and vocals; 13 original pieces, all excellent even if, as is normal, some seem to score more than others (but it is still a matter of personal taste) and, which we anticipate immediately, you will not find the classic chart basses but good music yes and sorry if it is little. Album that opens with an incendiary Blue Ballon, a very tight garage punk that won’t give you a moment’s respite (Lo-Fi recording apart from these “guys” sound great), there is the pulsing multi-voice beat of Teddy And Chrissie, the darkest and most hardcore Flipp The Rat with heavy guitar riffs and distortions pushed to the maximum (atmospheres reminiscent of the great Black Flags); more psychedelic are Sesame Chicken and the long lysergic-instrumental ride of Knock On The Door, perhaps not essential of intoxicating class, to then return to push on more punk territories with the beautiful Take Out The Trash from the powerful and captivating refrain and the Stoogesiana Iguana Man but the highest peaks will be reached with the space garage of Spacious Countertops / Susie Sue and the “almost” JoyDivisionana (but more electric) Stone Hedge with a truly remarkable game of voices, a lot of hats and finally to close the riff, we would say “timeless”, by Medical, a piece that sums up a “whole” still pulsating and vital today. It is true, we are in 2021 but nothing (for the moment) prevents us from enjoying this music, honest, simple, filthy, direct, powerful, with our hearts turned to the past but our heads firmly planted in a battered and distorted present. “Baby, It’s only rock’n’roll” someone would have said and here you will find all its essence; album to be shot in one gulp at maximum volume, without hesitation of any kind, preconceptions and with an eye to tomorrow. From Roots! it’s all and as always good listening (here).

4 Risposte a “Roots! n.262 settembre 2021 New Guinea Pigs On The Block”

  1. Hello Simone,
    On behalf of Orin, Ward and me, thank you for your cool👀 review of our New Guinea Pigs on the Block cd. We really dig how you describe our songs. We’re recording new songs and enjoying the process. We’re dedicated to keeping our music authentic, true and honest.
    Cheers, Simone! 👍🏼

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!