Roots! n.413 aprile 2022 Miles Kane – Change The Show

Miles Kane - Change The Show

Miles Kane – Change The Show

(2022, BMG)

by Luca Agozzino

Ci si asciugano le lacrime con Tears Are Falling, l’inizio in sordina di Change The Show, quarto album in studio di Miles Kane, ma chi pensa di poterselo ascoltare comodamente in poltrona si sbaglia e farà meglio a togliersi le pantofole, ci sarà da ballare. Never Get Tired For Dancing (bellissima anche la versione acustica pubblicata a fine Marzo 2022) è un rhythm ‘n’ blues che farebbe dimenticare anche l’atrocitá di lavorare in una fornace, e forse farebbe battere anche il piede al principale nel fresco del suo ufficio. Insomma, come suggerisce il testo, chiudete le tende (se siete timidi), ma soprattutto spostate il tavolo “Close the curtains, move the table“, e speriamo che le scarpe che avete messo righe fa siano comode. Il ritornello di questo brano è uno dei numerosi segni di vita che il northern soul dà in questo disco. Il soul uptempo che ci fa “mantenere la fede” appare a sprazzi già in Don’t Let It Get You Down, mentre in Nothing’s Ever Gonna Be Good Enough (in duetto con Corinne Bailey Rae), Tell Me What You’re Feeling e Caroline la fa da padrone. Coming of age è una ballata soul con cori da girl group anni ’60, in stile Ronettes per intenderci, con una parte strumentale che sembra non voler turbare la pacatezza del cantato ma che prenderà il sopravvento per un attimo con un assolo di chitarra, prepotente presa della scena a cui fanno da preludio un paio di riff di batteria che manifestano palesemente l’urgenza di sfociare in qualcosa di più. Tra lenti e sfuriate, voci pacate e grida liberatorie, quello che vi consigliamo è sicuramente di tenere il tavolo ben attaccato al muro, in un angolino, fino alla fine del disco. Da Roots! è tutto, e come al solito, buon ascolto (qui o qui).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!