Roots! n.539 settembre 2022 Desmond Doom – Surf-Goth

Desmond Doom - Surf-Goth

Desmond Doom – Surf-Goth

(2022, autoprodotto)

by Simone Rossetti

I Hope I Never See Your Face Again…..e nulla, su queste note ci siamo innamorati e persi senza riserva alcuna come fossimo ancora degli adolescenti con i brufoli agli inizi degli anni ’80…..bello? Patetico?….Probabilmente entrambe le cose ma per un attimo staccate la spina da questi tempi irrisori e fate “finta di esistere”…..Entrate nel vostro più vicino negozio di dischi senza però ben sapere cosa cercare ma solo per un “odore”, per un perdere tempo….vi mettete a sfogliare qualche album a caso ma la vostra attenzione sarà indirizzata verso altro che lì per lì non comprenderete bene….un bel sentire, vi piace ma c’è qualcosa che non torna….chiedete timidamente qualche info al “ragazzo” del negozio che un po’ scazzato vi mostrerà la copertina dell’album…..”Ma che cazzo!!”….sì, proprio ma che cazzo…perché ne resterete affascinati, tanto è strana, tanto è inusuale, tanto è….boh, non lo sappiamo nemmeno noi, bella??. ..E poi quel sentire malinconico, dolce, è I Hope I Never See Your Face Again….post-punk, Joy Division, Killing Joke, The Smiths….macerie di un nuovo mondo in divenire, quello di allora (primi anni ’80) così come quello di oggi…..Un piccolo passo indietro, Desmond Doom “from Melbourne, Australia”….periodo di “pandemia e schizofrenia” dilaganti, lockdown totale…Desmond Doom “suonicchia” già la chitarra ma si compra anche un basso…inizia a buttare giù qualcosa, registra qualche pezzo…uno per ogni mese dispari……ed arrivato ad un numero di brani sufficienti decide di pubblicare questo Surf-Goth….fine della soria, una piccola ma bella storia. EP di debutto che tanto di cappello e cazzo se affascina, dilania…..letteralmente incanta….segue Now That You’re Gone dalle atmosfere più sognanti ed un bel sentire che vi riporterà ai migliori Smiths ma sarà solo un tramite alla successiva It’s All Falling Down cupa e notturna come quell’ultimo lampione in fondo alla vostra anima (Joy Division ma con un refrain ad aprirsi su atmosfere alla Lotus Eaters)….e poi Get Me Out….i New Order di Movement?…lasciate perdere, lasciate perdere…devastante…ci si “riprende” con Take Me Back dalle sonorità Smithsiane ma pur sempre grevi ed una conclusiva e più “leggera” The Dissociation Song dagli intensi profumi autunnali, caldi…bella, veramente bella. E così è andata che ci siamo “innamorati” di questo piccolo EP…..per un nulla? Sì, forse ma nel caso non ce ne può fregare di meno…viviamo (e siamo fatti) di tutte le nostre quotidiane miserie ma che almeno la musica sia “altro” od un altrove….anche una tavola da surf scura come la notte in mezzo ad un oceano nel quale forse annegare per poi rinascere. Da Roots! è tutto e come sempre (no, non come sempre) buon ascolto (qui).

English Version (improbable…)

Desmond Doom – Surf – Goth

(2022, self-produced)

by Simone Rossetti

I Hope I Never See Your Face Again ….and nothing, on these notes we fell in love and lost without reservation as we were still teenagers with pimples in the early 80s…..beautiful? Pathetic?….Probably both but for a moment unplug from these ridiculous times and “pretend to exist …..Go into your nearest record store without knowing what to look for but only for a “smell”, for a waste of time …. you start leafing through some albums at random but your attention will be directed towards other than there and then you will not understand well, a good feeling, you like it but there is something that is not come back …. shyly ask for some info to the “boy” of the shop who, a little pissed off, will show you the album cover ….. “What the fuck !!” …. yes, just what the fuck….because you will be fascinated by it, it is so strange, it is so unusual, it is so much….boh, we don’t even know it, beautiful ??. And then that melancholy, sweet feeling is I Hope I Never See Your Face Again….post-punk, Joy Division, Killing Joke, The Smiths…rubble of a new world in the making, that of then (first 80s) as well as today…..A small step back, Desmond Doom “from Melbourne, Australia” …. period of rampant “pandemic and schizophrenia”, total lockdown … Desmond Doom “suonicchia” already the guitar but he also buys a bass…he starts throwing something down, records a few pieces…one in every odd month…and when he reaches a sufficient number of songs he decides to publish this Surf – Goth….end of the story. Debut EP that both hats and shit if it fascinates, tears….literally enchants….follows Now That You’re Gone with the most dreamy atmospheres and a good feeling that will bring you back to the best Smiths but will only be a means to the next It’s All Falling Down dark and nocturnal like that last lamp post at the bottom of your soul (Joy Division but with a refrain to open up to Lotus Eaters atmospheres)….and then Get Me Out….the New Order of Movement?…forget it, forget it…devastating…you “recover” with Take Me Back with Smithsian sounds but still heavy and a conclusive and “lighter” The Dissociation Song with intense autumn scents, hot …beautiful, really beautiful. And so it happened that we “fell in love” with this little EP…..for nothing? Yes, maybe but in case we can’t care less…we live (and we are made) of all our daily miseries but at least the music is “other” or somewhere else….even a dark surfboard like the night in the middle of an ocean in which to perhaps drown and then be reborn. From Roots! it’s all and as always (no, not as always) good listening (here).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!