Roots! n.498 luglio 2022 Cicalone – ‘Na Scarpa E ‘Na Ciavatta

Cicalone - 'Na Scarpa E 'Na Ciavatta

Cicalone – ‘Na Scarpa E ‘Na Ciavatta

(2022, autoprodotto)

by Simone Rossetti

….Perché de botte n’ho prese tarmente tante che ho imparato a ride pe’nun dovè più piagne” (Cicalone)

Premessa (necessaria).

Ho rotto “le palle” e non poco (di questo me ne scuso) a Cicalone ed alla sua band prima di decidermi se parlare o meno di questo “disco”, non sapevo (non lo so neanche ora ma a questo punto nemmeno lo voglio sapere) se ne sarei stato all’altezza, tanto ci sarebbe da scriverne, tanto ci sarebbe da “conoscere” (come cultura musicale e popolare)….quello che mi interessava era un capire, un coglierne lo spirito, una possibile chiave di lettura, riuscire a restituirne un respiro….niente, ascolto dopo ascolto, doveva esserci altro ma mi domandavo cosa….fino a che…fino a che non mi si è “materializzato” davanti per quello che è (cioè per quello che non è)…e solo allora ho capito (credo, ma la mano sul fuoco non ce la metterei).

Siore e Siori….benvenuti in quello che Non E’ e che lo spettacolo abbia inizio.

Cicalone è teatro, è varieta, è cabaret, è avanspettacolo, è quella tradizione popolar-musicale “di strada” che sarebbe piaciuta a Pasolini, è quel palco povero, scarno, un tendaggio usurato tirato su alla “bell’e meglio”, pavimento in legno, scricchiolante, luci basse, è il silenzio della sala, è un “non luogo”, siete nel sogno e nella poesia…Un’orchestrina attacca una dolce melodia swingante ed ecco che entra Cicalone, sfrontato, esuberante, uno sbruffone in tutta la sua (e nostra) “miseria”…“De sti tempi qua nun te poi innammora, Nun te poi concede er lusso de mostrà chi sei, de sti tempi qua nun c’è niente da fa, l’amore è un fazzoletto da sporcà e buttà..” (De’ Sti Tempi), una voce che forse “bella” nel senso classico non lo è ma è quanto di più vera e “de noartri” possa esserci, non “incanta” ma “ci prende” ed alla fine si sorride anche…in realtà da “sorride’” non c’è assolutamente nulla, anzi, il retrogusto sarà amaro, amarissimo e sempre, sempre, quella malinconia di fondo, appena percettibile, lontana, straziante e reale come questo cazzo di vivere. Breve pausa, pochi e stanchi applausi ed ecco risuonare le note di piano (tanto di cappello, melodia bellissima, immensa) di ‘N Freve Pe Te sicuramente omaggio alla tradizione melodica napoletana ma noi ci sentiamo anche la grande musica di Joe Hisaishi (Il Castello Errante Di Howl, film di Hayao Miyazaki del 2004) e ancora l’amore, ancora le donne (da leggersi separatamente, all’occasione anche insieme ma non necessariamente, insomma non rompete il cazzo), la vita sì, è quella, non si scappa…..”E allora rotolo come ‘n sasso nder baratro, nell’abisso sprofonno io pe’ te ch’ero r monno, fino a poco fa, nun guardo indietro, no! E si me metti nde n’angolo, resto lì e me nasconno che mo de sta ar monno propio nun me va” (Lo Sai) e poi quella fisarmonica e badate che non c’è niente di più dolorosamente umano del suono di una fisarmonica (troverete tutti i crediti a fine articolo, non ora, punto); “Tra tanto fumo e poco arosto questo mondo è solo nostro e nun ce lo poi tovinà….co na realtà ch’è frigida, e nun ce dà più un futuro in cui sperà…..co’ na scarpa e’ na ciavatta verso un sogno o la disfatta” canta Cicalone come un saltimbanco da strada in ‘Na Scarpa E ‘Na Ciavatta…bella, applaudiamo convinti ma non tutti (d’altronde l’ingresso è gratuito, non esiste, non è) ed allora tanto vale perdersi fra le note in levare di La Pietà “un pensiero triste che si balla” avrebbe detto Astor Piazzolla….di qualsiasi cosa si tratti (prima reggae poi tango) possiamo solo dirvi che è bellissima “’N ce pensà bella mia è la vita e così sia e nun ce sta niente da fa….che sta mera compassione come gocce de limone brucia l’occhi e nun me fa guardà…..e fra le braccia sue potrò spirà come un cristo ne la pietà”…silenzio in sala, alcuni “casuali” avventori sorridono sotto i baffi, quasi a scherno, i più sembrano non capire ma Cicalone non se ne cura (vorremmo dirgli che è “bello” che è bravo ma non possiamo..non siamo) ed eccolo attaccare una canzonetta d’amore spiazzante, di quello semplice, di quello “d’artri tempi” “Sei proprio bella, sei bella così, senza trucchi ne inganni, nun t’affanni a apparì….de na bellezza diversa che apprezza sortanto chi la pò capì” (Sei Propio bella). Ci dispiace farvi tornare bruscamente alla realtà ma c’è questa cosa che abbiamo sul “groppo” e della quale dobbiamo liberarci… qui da “noi”, noi di noartri, noi di’panino co’i lampredotto e boni solo a chiacchiere c’è (c’era, ha lasciato questo mondo e questa città pochi anni fa) Riccardo Marasco, cantautore ed acuto menestrello delle nostre umane miserie (fiorentine ma non solo), irriverente, sarcastico, “sanguigno”, personalmente non sono mai riuscito ad apprezzarlo, forse per quel “troppo” che alle volte “stroppia”, ecco, Cicalone è “diverso”, ha una sensibilità (compositiva, nei testi, nel “giocare” con la vita) quasi “pudica”, roba davvero d’altri tempi ed è questo il motivo per il quale siamo/siete qui e qui tornerete, perché Cicalone è una maschera, un pulcinella, un arlecchino delle nostre tragedie…..si prende gioco di noi così come teneramente (e pietosamente) ci consola….ma ecco partire il walzerino spensierato di L’Amore Va L’Amore Viè a ricordarci che la vita è tutta uno scorrere, una commedia dell’assurdo “Amore amore mio viè qua te vojo fa sentì quant’è vero er pianto de n’attore” è ‘na tragedia senza sfogo, senza fondo; poi si abbassano le luci, piano piano fino quasi a “scomparì” (insieme a noi) in una lenta dissolvenza…Cicalone attacca Er Canto De Na CicalaE che ne po sapè la gente che campa  e nun se chiede perché, e che ne po sapè quer tempo che sfugge e nun te riesci a godé……Questo era er canto de na cicala, che moriva de malinconia, quanno l’inverno se l’è abbracciata…cantava ancora sta melodia”, la Morte, la Vita, è forse tutto un sogno? Allora la poesia cos’è, l’arte cos’è….Vi avvisiamo, nell’istante stesso in cui riaprirete gli occhi Cicalone svanirà, svanirà quel palco, svanirà quell’odore di umido e muffa che sa di vecchio e stantio ma ancora “Vero”…e svanirà anche quell’orchestrina (Luca Caponi alla batteria, Stefano Napoli al basso, Marco Acquarelli alla chitarra, Emanuele “Amanullah” Giunti al piano e accordion) che alzandoci in piedi applaudiamo come se fossimo al Teatro alla Scala di Milano…no, qui è meglio, qui gli applausi sono veri, sinceri, sono quelli di un ineluttabile sfumare, di un’Italia che non esiste più, di un Tempo che non esiste più…Da Roots! è tutto e come sempre buon ascolto (qui o qui).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!